Indice articoli

DISCUSSIONE

Il vantaggio principale dell'emicompattotomia tibiale con fissatore esterno nel trattamento del ginocchio varo artrosico, è legato alla possibilità di effettuare una correzione graduale e programmabile in quanto questa viene ottenuta mediante distrazione progressiva (1 mm. al giorno) che si completa nell'arco di 8-15 giorni. Inoltre la mobilizzazione immediata unitamente alla possibilità di deambulazione con carico già dalla prima giornata annullano il rischio di rigidità articolare e limitano l'ipotrofia muscolare. Il trauma chirugico è modesto con incisione estremamente contenuta (2 cm.) cosa che và tenuta in considerazione specie in riferimento ai soggetti giovani di sesso femminile che si sottopongono all'intervento con finalità di prevenzione o, talvolta, francamente estetiche.

I tempi di ospedalizzazione sono minimi (2 giorni).

I limiti di tale tecnica dal fatto che la correzione è sempre extra-legamentosa ed effettuabile quasi esclusivamente sul piano frontale con impossibilità di ottenere effetti addizionali di re-procurvazione tibiale.

Inoltre, in relazione alla durata, 50-60 giorni e alla gradualità del trattamento, sono necessari controlli clinici e radiografici ripetuti. Và infine ricordato che nella fase iniziale del trattamento la distrazione progressiva può essere causa di dolore di discreta entità.

Controindicazioni: Oltre alla presenza di una deformità rotatoria, già precedentemente messa in rilievo, controindicano questo tipo di trattamento i seguenti elementi:

  • età avanzata
  • varismo maggiore di 20°
  • flexum maggiore di 10°
  • grave artrosi femoro-rotulea
  • varismo con tibia dritta maggiore di 5°

Riteniamo che la qualità dei risultati clinici sia direttamente correlata, oltre che alle indicazioni, all'entità della correzione (ipo-iper correzione.). Da valutare sono inoltre eventuali patologie articolari concomitanti (anca omo/controlaterale, ginocchio controlaterale).


Con una tua donazione,
puoi sostenere il nostro
impegno per la ricerca.

archivio

GAP II

GAP II è un sistema per l’archiviazione di dati clinici e chirurgici di pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia protesica di anca, ginocchio e spalla.